mercoledì, 1 Febbraio, 2023 1:17:52 AM

Ba.Rock, trilogia di Teatro e Danza

La redazione.

Una prima produzione della Trilogia di Teatro e Danza a tematica barocca Ba.Rock, è prossima a essere presentato in uno dei maggiori teatri d’avanguardia del capoluogo pugliese: il Teatro Kismet OperA.

Con la regia di Orazio Caiti e Antonella Moreno e la direttrice d’orchestra Grazia Bonasia, Ba.Rock sarà in scena con innovata ricerca di linguaggi teatrali.

La presenza del Primo Violino, Domenico Masiello e l’Ensemble Il Mondo della Luna, l’opera teatrale si avvarrà della partecipazione dell’attrice Maria Chiodo

e delle danzatrici Nicole Milella, Paola Maria Sisto, Ines Di Monte, Serena Pantaleo.

Il coreografo Orazio Caiti ripercorre, in versione contemporanea, la narrazione delle stagioni che si susseguono, prendendo spunto dai sonetti che accompagnano l’opera più nota di Antonio Vivaldi.

Ma le Stagioni, in questa versione visionaria e psichedelica dal continuo alternarsi di colori vivacissimi e contrastanti, mirati a creare un’atmosfera irreale e abbagliante, non sono altro che lo spunto per una metafora che coinvolge le diverse età della vita e le differenti epoche attraverso scenari verbali e coreutici misti tra modernità ad antichità.

 

 

 

 

 

 

Direzione organizzativa, ufficio stampa e grafica a cura di

Arti Libere

Il perno del quadro completo è la musica immutabile, potente e meravigliosa di Antonio Vivaldi in cui è contenuto il significato espressivo dei contrasti che attraversano le emozioni umane, anch’esse immutabili ma soggette a mezzi espressivi e tecnologici che si evolvono e si involvono attraverso il tempo e lo spazio.

Ci sono, dunque, i sonetti (scritti presumibilmente dallo stesso Vivaldi) che con il loro linguaggio osticamente settecentesco accompagnano l’esecuzione delle Stagioni e l’interpretazione attoriale variegata ed effettistica di testi contemporanei che come dei lampi di luce illuminano e punteggiano la strada della comprensione.

C’è il la Tap Dance che con il suo ritmo frenetico contrappunta l’eterna visione barocca e la classicità della danza.

Ci sono i quadri surreali dei movimenti dei musicisti (parte attiva dell’azione scenica coreutica) e l’esecuzione tradizionale della musica; il bianco e il nero, la luce e il buio.

Le umane forze e le umane debolezze.

Una storia lunga e avvincente come lungo e avvincente è il cammino dell’uomo attraverso l’alternarsi delle stagioni, anno dopo anno, secolo dopo secolo.

 Ba.Rock vol. 1

Le Quattro Stagioni

di Antonio Vivaldi

 

 

 

 

 

 

 

About Arti Libere

Guarda anche

Vito Alfarano. Hikikomori, rifugio dalla realtà

di Gianni Pantaleo. Prestare attenzione alla realtà. Farne analisi sociale. Elaborarla e metterla in scena …

Lascia un commento