venerdì, 23 Febbraio, 2024 12:58:30 AM
Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Milano – “Antropocene”, tra suoni, immagini ed effetti speciali

2 Febbraio 2024

Si ispira al trittico

“Il giardino delle delizie”

del pittore fiammingo Hieronymus Bosch

la performance multimediale portata in scena dai musicisti

Paolo Paliaga, Luca Pedroni
e Patrizio Balzarini

e diretta dal regista Jesús de la Iglesia

una riflessione senza sconti sulle grandi questioni della contemporaneità, dai cambiamenti climatici all’iperconsumismo, dalla fragilità della politica agli effetti negativi della globalizzazione.

  Antropocene

La parola antropocene identifica l’attuale epoca geologica, in cui l’ambiente terrestre, nell’insieme delle sue caratteristiche fisiche, chimiche e biologiche, è fortemente condizionato su scala locale e globale dagli effetti dell’azione umana, a cominciare dall’aumento delle concentrazioni dei gas serra nell’atmosfera.

“Antropocene”, ovvero il racconto in suoni della modernità, è anche il nome dello spettacolo che andrà in scena venerdì 2 febbraio alla Fabbrica del Vapore di Milano nell’ambito del cartellone di eventi “Vapore d’Inverno”.

Si tratta di un progetto multimediale, in cui confluiscono musica, parole, immagini, video e testimonianze, che parte da una rilettura dell’opera “Il giardino delle delizie”, famoso trittico del visionario pittore fiammingo Hieronymus Bosch, e che diventa una critica radicale (le tre pale rappresentano, rispettivamente, l’equilibrio ecologico, l’attività antropica e l’inferno climatico) al devastante e irreversibile impatto della presenza umana sulla Terra.

Grazie alla collaborazione con il videoartista spagnolo

Jesús de la Iglesia, che ne ha curato la regia,

“Antropocene”

si configura come un’esperienza immersiva nell’opera

che Bosch ha realizzato alla fine del Quattrocento:

il quadro prenderà vita attraverso gli effetti speciali che la tecnologia di oggi permette,

con l’inserimento di frammenti di immagini che richiamano le tematiche

più critiche della modernità, mentre la musica dal vivo,

eseguita  dal pianista Paolo Paliaga (che è anche l’ideatore dello spettacolo),

dal chitarrista Luca Pedroni

e dal batterista e percussionista Patrizio Balzarini,

accompagnerà gli spettatori in un viaggio profetico e profondamente emotivo.

Paolo Paliaga

Spiega Paolo Paliaga, ideatore di Antropocene: «Questo spettacolo chiama in causa tutti noi e vuole essere un pugno nello stomaco di chi lo guarda. La chiave interpretativa può essere riassunta nella visione sociologica secondo la quale la modernità ha scatenato forze che risultano difficili da governare. La tecnica, il mercato, il liberismo economico, il consumismo, la fragilità della politica, la globalizzazione, l’indifferenza tra Nord e Sud del mondo, le migrazioni sono la cifra della nostra epoca, ma in verità non sembriamo esserne consapevoli fino in fondo».

Venerdì 2 febbraio 2024 – Vapore d’Inverno

Fabbrica del Vapore, via Procaccini 4, Milano.

“Antropocene”, il racconto in suoni della modernità

Da un’idea di Paolo Paliaga.

Con: Paolo Paliaga (tastiere), Luca Pedroni (chitarra),

Patrizio Balzarini (batteria e percussioni),

Jesús de la Iglesia (videoarte).

Regia: Jesús de la Iglesia.

Inizio spettacolo: ore 21.

Ingresso libero.

Luogo

Fabbrica del Vapore
Via Procaccini 4
Milano, 20124 Italia
+ Google Maps
Visualizza il sito del Luogo