mercoledì, 7 Dicembre, 2022 12:55:06 AM

La leggenda del “Bambino della Strenna”

Di Anna Landolfi.

Il “Bambino della Strenna” (fine XIX° sec). Collezione privata.

Tra le tradizioni popolari di questa terra dove vivo, la Puglia, c’è una leggenda natalizia che più mi commuove e che ogni anno ascolto volentieri seduta di fronte ad una donna che di questa terra è testimone di umiltà e povertà. Racconta: sparsa la voce che era nato un bambino in una stalla illuminata dalla luce di una stella e annunciata dalla voce degli angeli, i pastori di Betlemme, riempirono le loro bisacce di quello che il loro lavoro poteva dare al bambino: latte, formaggi, miele, dolci. Accompagnati dalle loro donne e messisi in cammino per portarli al piccolo nato, un bambino curioso, udito il trambusto nelle vie del suo paesello, si unì e partì con i pastori. Nel cammino, il bimbo curioso, si accorse che era l’unico a non avere tra le mani qualcosa e capì che doveva essere ben importante tutto questo trambusto se tutti avevano tra le mani un dono. Ma lui non aveva niente da portare e anche se avesse voluto, non possedeva nient’altro che il suo povero vestito. Non aveva neanche le scarpe. Con un po’ di vergogna e abbassato il capo, marciò in coda al gruppo di pastori. Quando arrivarono nel luogo indicato dagli angeli, si affollarono intorno a Giuseppe e a Maria, che dolcemente cullava il bambino. Curioso, il pastorello si fece spazio tra le gambe dei pastori, a fatica sgomitando, arrivò vicino a Maria e rimase lì, con gli occhi sgranati e la bocca aperta a guardare quanto di più tenero avesse mai visto: Giuseppe con gli occhi lucidi sul bambino nella mangiatoia diventata una culla, un bue e un asino che con il loro fiato riscaldavano la stalla e Maria, con le mani giunte a ringraziare quel dono. I pastori si accalcavano, si inginocchiavano, le donne con i capi coperti di fazzoletti in segno di riverenza, tutti lasciavano ai piedi della mangiatoia i loro doni e Maria, che aveva preso il piccolo in braccio, era in difficoltà a prendere in mano i generosi fagotti, in segno di gradimento e di ringraziamento.

Vestitino e statuina del XIX° sec.

Notò il pastorello, che ancora incantato, guardava quel piccolo tra le sue braccia, allora, sorridendo, lo avvicinò a sé e gli affidò il Bambino Gesù. Istintivamente, il pastorello aprì le braccia per accoglierLo e tutta la felicità del mondo si illuminò sul suo viso. Così il pastorello che non aveva niente da dare, donò a Gesù il calore e le sue braccia. Lui che non aveva niente, neanche le scarpe, donò quanto di più umile ha un uomo: il sostegno agli indifesi. E nacque la leggenda del Bambino della Strenna.

Strenna è un termine che indica dono. La parola ha origini sin dall’antica Roma, quando durante i Saturnali, un periodo di festività romane dal 17 al 23 dicembre, si dedicavano doni al dio Saturno. La parola strenna deriva dal latino strēna, e indica dono di buon augurio. La leggenda insegna bene il messaggio del Natale. Ci insegna che il Signore è sempre dalla parte dei poveri, degli umili, dei più bisognosi, degli emarginati e dei trascurati di questo mondo. E’ il dono di Bambino Gesù a noi uomini. Passeranno gli anni, la donna che ascolto sempre per la sua saggezza, tornerà al Cielo e sarò io a raccontare la leggenda e poi lo farà mia figlia e poi i suoi figli, all’infinito nel tempo, agli uomini e alle donne che sapranno cogliere lo spirito del Natale.

Anna Landolfi.

 

About Arti Libere

Guarda anche

Poesie non di…autore. La stagione letteraria si apre con Luigi Lai

di Anna Landolfi. Ripresa di autunno. Una rubrica mai dimenticata. Una rassegna che “riapre” dopo …

Lascia un commento