mercoledì, 7 Dicembre, 2022 1:08:02 AM

Valeria Cristiano, la ricerca del Tempo

di Anna Landolfi.

Nella complessa quotidianità, immersa da quantità enormi di informazioni, suoni, immagini, c’è il momento in cui le diventa una necessità, fermarsi. Tranquilla, serena. Cerca nello spazio intorno, quello spazio che le permetta di riaccomodare se stessa. Il bisogno di ritrovare se stessa è un’esigenza vitale. Ripristinare la mente con la quiete che rigenera l’animo e porsi delle domande che vanno ben oltre la materia di cui è sostanzialmente composta. Valeria Cristiano e il suo vissuto. Abbiamo imparato a comprenderla, leggendo i suoi versi. In “Tempo”, lei stessa è esposizione di sè: si chiede, domanda, si pone dubbi. Non è la convenzione interrogativa comune. No. E’ immersa in uno spazio senza materia: il tempo. Non ha passato, nemmeno futuro: c’è! In fisica, il presente non esiste. Nello stesso momento in cui scrivo, l’azione è già passata e mentre mi accingo a scrivere, sono già nel passato. E’ il futuro che scorre nel tempo e il paradasso è che esso è già passato. E’ il Tempo. Valeria Cristiano glielo chiede. Quasi rendendolo Mito. Come gli dei. Il Tempo è la presenza astratta e lei lo percepisce. Altimenti non gli porrebbe i quesiti nei quali sono posti gli infiniti percorsi dei sentimenti. Nei versi, traspare una sensazione immaginaria. metafisica: lei è di fronte a Krònos (Κρόνος)*, a porgli le domande. Con i tormenti che gli stessi dei trasmisero ai mortali.

Valeria Cristiano

L’operazione audio/video presentata in questa edizione, ha il piacere di avere la partecipazione all’interpretazione, della stessa autrice e di Silvana Kutz, attrice e Elisabetta Lamanna, insegnante e lei stessa autrice di composizioni poetiche. La dimostrazione di quanto, con reciproci sentimenti, essere partecipi, diventa il fine per essere trasmessi al lettore, rendendo la poesia, semplice fonte di riflessione perchè possa renderci tutti migliori.

“Tempo” di Valeria Cristiano.

Cos’è il tempo

se non sfida all’oblio,

misura delle emozioni?

E quanto tempo

dovrà passare

perché i dolori dell’anima

attenuino i loro graffi?

Cos’è il tempo

se non inafferrabile rincorsa,

scandita dai ritmi di vita e di morte

di giorno e di notte?

Cos’è il tempo

se non una dimensione oscillante trattenuta dalla goccia salata

che bagna la guancia?

Cos’è il tempo

se non quella vela

che lentamente sparisce all’orizzonte

e lascia scie di speranza dentro il cuore?

Queste parole

sono

pezzi di tempo.

Si arrenderanno alla memoria

e con il tempo sbiadiranno?

O troveranno rifugio sicuro in un cuore generoso?

Intanto le tengo strette

nel pugno dell’Anima e le cerco

e le ascolto.

Mi sussurrano: hai vissuto

nel Tempo e in tutto il Tempo.

Respiro gli attimi.

Sorrido alla vita.

Anna Landolfi.

*divinità della mitologia greca.

In copertina: Amedeo Modigliani, “Il giovane apprendista” (1918)

About Arti Libere

Guarda anche

Poesie non di…autore. La stagione letteraria si apre con Luigi Lai

di Anna Landolfi. Ripresa di autunno. Una rubrica mai dimenticata. Una rassegna che “riapre” dopo …

Lascia un commento