martedì, 23 Aprile, 2024 7:56:47 AM

Canzoni e poesie contro la guerra

di Trifone Gargano

Tanti potrebbero essere i testi delle poesie o dei brani musicali (pop, rock o classica), da citare contro la guerra, dal momento che la storia dell’umanità, in ben cinque mila anni, è stata, purtroppo, sempre, sostanzialmente, storia di conflitti (armati e no). Pare proprio che l’antico detto latino «historia magistra vitae» non abbia mai insegnato nulla all’umanità, ma, anzi, sia stato sistematicamente e totalmente disatteso, ignorato. Siamo, infatti, nuovamente immersi in uno scenario (planetario) di guerra, partito dalla Russia e dall’Ucraina, ma che si va, progressivamente, allargando in termini globali, in tutto il mondo, con effetti nefasti e che riguardano tutti gli aspetti della vita, individuale, collettiva, privata e pubblica.

La mia scelta cade su due testi, la canzone di Daniele SilvestriIl mio nemico”, che è del 2002, e la poesia di Salvatore Quasimodo, “Uomo del mio tempo”, che è del 1946, scritta all’indomani del secondo conflitto mondiale, entrambi significativamente istruttivi, perché, il primo, denuncia il pericolo di guerre che non siano più quelle tradizionalmente combattute al fronte, con fucili e carri armati, ma che si combattano, come stiamo assistendo in questi giorni, anche (e soprattutto) con i flussi finanziari, le carte Visa (come ripete nel ritornello della sua profetica canzone Daniele Silvestri). Il secondo, invece, il testo del grande poeta Salvatore Quasimodo, è un grido di dolore contro la scienza e la tecnica messe al servizio della guerra, finendo per dimostrare solo una cosa, e cioè che, nonostante il progresso tecnologico e nonostante l’uso delle armi più sofisticate e “precise” che un esercito possa avere, si resta uomini primitivi, come quelli della fionda e delle pietre, come Caino che uccise, con un sasso, il fratello Abele.

Ecco il testo del ritornello della canzone di Daniele Silvestri:

Il mio nemico

Il mio nemico non ha divisa
ama le armi ma non le usa
nella fondina tiene le carte visa
e quando uccide non chiede scusa
il mio nemico non ha divisa

ama le armi ma non le usa
nella fondina tiene le carte visa
e quando uccide non chiede scusa.

           Salvatore Quasimodo (1901-1968)

Uomo del mio tempo.

Sei ancora quello della pietra e della fionda,

uomo del mio tempo. Eri nella carlinga,

con le ali maligne, le meridiane di morte,

t’ho visto – dentro il carro di fuoco, alle forche,

alle ruote di tortura. T’ho visto: eri tu,

con la tua scienza esatta persuasa allo sterminio,

senza amore, senza Cristo. Hai ucciso ancora,

come sempre, come uccisero i padri, come uccisero

gli animali che ti videro per la prima volta.

E questo sangue odora come nel giorno

Quando il fratello disse all’altro fratello:

«Andiamo ai campi». E quell’eco fredda, tenace,

è giunta fino a te, dentro la tua giornata.

Dimenticate, o figli, le nuvole di sangue

Salite dalla terra, dimenticate i padri:

le loro tombe affondano nella cenere,

gli uccelli neri, il vento, coprono il loro cuore.

L’uomo del Novecento, e l’uomo del terzo Millennio, purtroppo, restano, alla luce dei fatti bellici più recenti, uomini primitivi, con la tecnica e con la scienza (compresa la scienza finanziaria e bancaria) finalizzate a uccidere. Bisognerebbe, per davvero, accogliere l’invito di Quasimodo, e cioè «dimenticare i padri», voltare le spalle alla storia e alla cultura dei nostri «padri», poiché è stata (ed è ancora) una storia di conflitti, di guerre e di morti.

Trifone Gargano.

Le immagini e i testi potrebbero essere soggetti a copyright.

 

About Arti Libere

Guarda anche

Bari – Francesco Visaggi – I segnali del futuro

l’Editoriale. Giovedì 28 marzo, nella sala giunta di Palazzo di Città, a Bari, si è …

Lascia un commento