giovedì, 18 Aprile, 2024 8:29:53 AM

Milano – Nicoletta Manni – “La gioia di danzare”

l’Editoriale.

È in programma domenica 18 febbraio, nella Sala degli Specchi della Reggia di Monza, la presentazione del libro “La gioia di danzare” di Nicoletta Manni, dallo scorso autunno étoile del Corpo di Ballo del Teatro alla Scala di Milano.

Grazie a questa iniziativa si uniscono idealmente, attraverso l’Arte, le eccellenze architettoniche delle città di Milano e Monza progettate dall’architetto folignate Giuseppe Piermarini: il Teatro della Scala di Milano e la Villa Reale di Monza.

Realizzato dalla Reggia di Monza e dalla scuola Studio Danza Monza insieme all’associazione culturale Musicamorfosi e all’editore Garzanti.

L’incontro è il primo evento collaterale della rassegna “Prodjgi”, la manifestazione scattata a inizio febbraio proprio alla Villa Reale di Monza con l’obiettivo di promuovere e valorizzare i giovani talenti del jazz italiano.

Del resto, non ci sono dubbi sul fatto che Nicoletta Manni, classe 1991, sia stata un talento precoce prima di diventare un autentico prodigio: come si legge nella sua autobiografia, nella prima fotografia che la ritrae con le scarpette da ballo l’étoile non aveva ancora compiuto tre anni.

La madre Anna, insegnante di danza, da sempre la porta con sé al lavoro, così che l’abitudine di esercitarsi alla sbarra entra nella vita di Nicoletta con la naturalezza di un gioco.

Nicoletta Manni, étoile della Scala,

presenta il libro autobiografico “La gioia di danzare”

domenica 18 febbraio alla Reggia di Monza

Il libro, corredato di immagini, racconta le tappe e gli incontri che hanno segnato il suo percorso e la sua carriera, fino a proiettarla tra le stelle più luminose della scena internazionale:

l’infanzia trascorsa a Santa Barbara di Galatina, in provincia di Lecce, l’ammissione all’Accademia del Teatro alla Scala, l’esperienza allo Staatsballett di Berlino; e poi la collaborazione con Carla Fracci e Alessandra Ferri, l’amicizia con Roberto Bolle, la complicità con il collega e marito Timofej Andrijashenko.

Senza tacere la fatica e i sacrifici, “La gioia di danzare” è però innanzitutto l’espressione di un amore sconfinato per il ballo, inteso come autentico atto di libertà e come intimo, inesauribile viaggio alla scoperta di sé.

Alzando il sipario su un’arte che da sempre affascina e incanta, Nicoletta Manni dà voce alla propria storia attraverso le molte vite che ha vissuto sul palcoscenico: dal Lago dei cigni allo Schiaccianoci, dalla Bella addormentata nel bosco a Giselle, le grandi protagoniste del repertorio classico hanno infatti contribuito a fare di lei l’interprete che oggi tutto il mondo applaude.

L’artista leccese, tra le stelle più luminose della scena internazionale,

parlerà del suo amore sconfinato per il ballo e della sua carriera,

fatta di fatiche, sacrifici e successi, in un incontro aperto al pubblico.

Ingresso libero con prenotazione.

Domenica 18 febbraio Nicoletta Manni converserà con la giornalista Cristina Bertolini e risponderà alle domande del pubblico.

About Arti Libere

Guarda anche

Bisceglie (Ba) – Successo per “Lo Schiaccianoci”

l’Editoriale. Grande successo per la prima, sold out e piccoli in visibilio. Vincente il nuovo …

Lascia un commento