domenica, 4 Dicembre, 2022 9:44:36 AM

OPERAZIONE BELLEZZA: Un sogno, basato sulla promessa della conquista della felicità

Di Adele Dentice.

Amedeo Modigliani (Olio su tela 1917)

Provate per un attimo a immaginare il vostro futuro: positivo, trasparente, dove non alberga alcuna forma di negatività; un luogo dove viene eliminata ogni sofferenza, persino all’amore viene tolta ogni forma di tensione, il trasporto provocato dalla passione viene trasformato in consumo e comfort: “essere innamorati, senza innamorarsi” (Alain Badiou “l’elogio dell’amore). Nella città ideale il piacere è immediato senza desiderio dell’inaccessibile, privato della facoltà immaginativa, quella che Kant definiva Gioco. Un gioco seduttivo fatto di segreti ed illusioni, di veli e maschere in cui la diversità dei volti parla di cose non dette, la cui bellezza è un mistero che travalica l’immaginazione, svelandone lo splendore erotico. Nella città ideale, invece, non c’è traccia di ambiguità. Tutto visibile, nudo rispettando i canoni della piacevolezza dell’aspetto o della forma, ma senza rivelare alcuna complessità, senza raccontare.

Egon Schiele (Autoritratto 1912)

Volti nudi e ammiccanti, modelli unici trasparenti ed esteriori, caratterizzati da una penetrante positività, svuotati di ogni espressione, accumulati in modo meramente additivo; l’uno accanto all’altro senza alcuna storia, solo per il godimento immediato e fuggevole, volti semplicemente osceni e privi di bellezza; volti disgregati in una serie di presenti atomizzati. In questo probabile futuro non c’è spazio per il bisogno di bellezza, già pre-confezionata e distribuita online, per il brutto o per il dolore, né per l’incompiutezza, che Michelangelo concepì come ricerca di una perfezione invisibile; niente poesia, quindi, e  niente teatro, luogo opaco della finzione e della seduzione; nella città ideale la trasparenza impone solo  l’informazione o meglio una massa compulsiva  di informazioni che, più che schiarire il mondo, lo rendono sempre meno intelligibile.

Adele Dentice.

Pablo Picasso (Metamorfosi 1931)

About Arti Libere

Guarda anche

Elio Corona. “Confusione mentale”, il romanzo thriller della terra di Sardegna

di Anna Landolfi. Se i confini delimitano uno spazio, Elio Corona lo identifica nella millenaria …

Lascia un commento