lunedì, 27 Maggio, 2024 12:41:34 PM

Bari – La canzone di Aida di Giovanni Princigalli al Bif&st

l’Editoriale.

Il primo lungometraggio di Giovanni Princigalli, il documentario La Canzone di Aida (Canada, Italia, 2024, 98 minuti), girato nel campo rom di Bari e dedicato alla memoria del deputato e sociologo Franco Cassano, sarà presentato al BIFEST Bari International Film Festival anticipato da un corto documentario di 3 minuti Porajmos. In memory of the Roma and Sinti Holocaust, realizzato grazie a delle immagini di archivio e musiche fornite dal Museo dell’Olocausto degli Stati Uniti

In effetti nel 2024 ricorre il 80e anniversario dello sterminio, in una sola notte, di tutti i Rom e Sinti internati ad Auschwitz.

La canzone di Aida è prodotto da Héros Fragiles di Montréal con la partecipazione del centro culturale Abusuan di Bari.

LA CANZONE DI AIDA

Un documentario di Giovanni Princigalli

Una produzione Héros Fragiles in collaborazione con Centro Abusuan

(98 min, 2024)

“Nell’immagine di Aida, un film sconvolgente e luminoso” (Ghazarian Christine, productrice et professeur de cinéma la Fémis, Paris)

“Un affresco di grande umanità. L’autore, come la sua magnifica protagonista, si confrontano alle loro origini rendendo universale una storia di trasmissione familiare.” (Viviana Andriani, Attachée de presse et productrice, Paris)

Aida en 2002, ph. de Carmela Lovero,

making of de Japigia Gagi de Giovanni Princigalli

“In “La chanson d’Aida” troviamo la poesia e la grazia di un certo Truffaut, la curiosità, l’empatia e la complicità di Varda ed il potere del cinema diretto, un’esperienza creativa e trasformativa per chi viene filmato, per chi filma e per chi guarda.” (Silvestra Mariniello, prof. d’Histoire du cinéma et directrice des études cinématographiques de l’université de Montréal

“La canzone di Aida è il frutto di oltre venti anni di conoscenza, frequentazione, presenza, durante i quali Princigalli entra nelle dimore altrui e nelle loro vite, che a lui si raccontano. Nel film, grazie al film, nessuno è escluso. Tutti possono parlare e poi ripensarci. Quindi crescere.” (Viva Paci, prof. de Théories du cinéma et responsable du laboratoire en pratiques documentaires de l’École des Médias de l’Université du Québec à Montréal).

“Nel 2002 ho girato il mio primo film in una famiglia di rom rumeni che viveva in un campo di baracche alla periferia di Bari.

Vent’anni dopo, questa famiglia vive ancora in una baracca. La coppia che all’epoca era la protagonista del film, è ora in corsa alle elezioni comunali per il centro-sinistra che portano al secondo mandato dell’uscente sindaco Antonio De Caro

La loro figlia, Aida, nel 2002 era un’adolescente sorridente,  innamorata di Di Caprio e che sognava di diventare una modella e una cantante.

Oggi è madre e moglie, ma vive un forte malessere e disagio personali e sociali. Vuole divorziare e per questo è in conflitto con la sua famiglia.

Ha anche avuto problemi con la legge. Questo film è soprattutto la storia della sua lotta per l’emancipazione, l’indipendenza e una nuova vita fuori dal campo. (Giovanni Princigalli)

Il film mostra diverse immagini del passato, molte delle quali mai viste prima e girate anche negli anni 2008 e 2014. Sono presenti anche delle animazioni poetiche per illustrare meglio l’immaginazione dei protagonisti.

“La canzone di Aida” è un primo lungometraggio del regista. Il film è dedicato alla memoria di Franco Cassano, sociologo e deputato, che fu direttore della tesi di laurea di Princigalli e supervisore del suo primo documentario che fu girato nel 2002 in questa stessa comunità di rom rumeni.

Giovanni Princigalli

CON IL SOSTEGNO DI

Conseil des arts et des lettres du Québec

Conseil des arts du Canada

Aide au cinéma indépendant de l’ONF

(Office National du Film du Canada)

SCAM France

SCAM Canada

Programme doc à risque de PRIM

INCA – CGIL 

Teca del Mediterraneo del Consiglio della Regione Puglia

e 230 donatori privati

CON IL PATROCINIO DI

Apulia Film Commission

Comune di Bari

Porajmos. In memory of the Roma and Sinti Holocaust

Realizzato e prodotto da Giovanni Princigalli

montaggio di Emma Bertin

Aida en attente de son 1e enfant. Ph. de Giovanni Princigalli

È un cortometraggio senza parole, montato con immagini e musiche del Museo dell’olocausto degli Stati Uniti. 

Quest’anno ricorre l’80° anniversario della terribile tragedia che toccò i Rom e Sinti ad Auschwitz.  Il 16 maggio 1944, infatti, essi ribellarono alle SS, riuscendo a tenerli fuori dalle baracche per diversi mesi.

Ma il 2 agosto, sempre del 1944, le SS, per vendetta, in una sola notte sterminarono tutti i rom che si trovavano ad Auschwitz in quel momento.

Non ne rimase vivo nemmeno uno. Testimone oculare fu l’ebreo italiano Pietro Terracina, che all’epoca aveva 15 anni: “Fu sufficiente dare uno sguardo alle ciminiere dei forni crematori per capire che tutti i Rom e Sinti (quelli che noi chiamiamo Zingari) del lager erano stati, tutti, assassinati per gas e dati alle fiamme”.

TEATRO PICCINNI, giovedì 21 marzo ore 21,30 – IN MEMORIA DELL’OLOCAUSTO DEI ROM E DEI SINTI e a seguire LA CANZONE DI AIDA

e in replica: TEATRO KURSAAL, venerdì 22 marzo ore 21,30  (corto e documentario). In entrambi i casi l’ingresso è gratuito

About Arti Libere

Guarda anche

Conversano – Successo per la XXI ed. di IMAGINARIA

Sei giorni di rassegna da ricordare, con quasi 8mila presenze nelle location suggestive di Conversano: …

Lascia un commento