domenica, 4 Dicembre, 2022 10:26:17 AM

Concerto della “Nuova Accademia Civera”: tutto esaurito al Circolo Unione di Bari

di Nunzio Sfrecola.

Ancora una volta l’associazione “Nuova Accademia Civera” diretta da Mario Valentino Scarangella ha fatto registrare il Sold Out ad un suo ultimo evento musicale che ha visto come degna cornice il bellissimo e dorato Salone delle Muse del Teatro Petruzzelli, sede del Circolo Unione di Bari: gremire tutti i posti di questa grande e splendida location è ormai consolidata consuetudine cui va fiero tutto lo staff organizzativo guidato da Scarangella.

La serata di domenica 18 settembre ha visto alla ribalta alcune giovanissime e talentuose musiciste provenienti dal Conservatorio di Musica “Piccinni” di Bari, tutte magistralmente accompagnate al pianoforte dallo stesso Scarangella cui va anche il merito di creare loro queste occasioni per instradarle nella direzione dell’eccellenza a 360 gradi (come peraltro ha ampiamente fatto notare in un suo appassionato intervento anche il prof. Pierfranco Moliterni, presente alla serata). “Soliste della Nuova Accademia Civera” il nome scelto per questo gruppo, tutto al femminile.

Questo evento culturale è stato preceduto e impreziosito dagli interventi di alcuni poeti dell’Accademia Italiana della Poesia che sono stati presentati dal Prof. Francesco Mangini presidente dell’Associazione Italiana Amici della Vita.

Si è poi passati al programma musicale iniziando con la violinista Letizia Lauta che ha eseguito con sensibilità assai apprezzata alcune pagine tratte dalla Sonata in Re Maggiore HWV 371 di Georg Friedrich Händel. A seguire Maristella Harka, altra talentuosa violinista che ha romanticamente deliziato il pubblico eseguendo “Thais” (Méditation) di Jules Massenet. La Harka ha mostrato le sue qualità musicali anche in veste di pianista. Infatti, sicura sul violino come sul pianoforte, ha entusiasmato il folto pubblico con una convincente esecuzione, a conclusione del concerto, del Preludio in mi minore Op. 28 n. 4 di Fryderyk Chopin. E’ stata poi la volta del soprano Anna Chiara Di Chio che con appassionata vocalità ha interpretato “Caro nome” , l’aria di Gilda dal I atto del Rigoletto di Giuseppe Verdi.

Da sx: Maristella Harka, Sabrina Di Maggio, Mario Valentino Scarangella, Anna Chiara Di Chio, Letizia Lauta.

Si è fatta poi apprezzare una volta di più la violinista Sabrina Di Maggio, già nota al pubblico dell’Accademia Civera ed “eccellenza” del Conservatorio di Bari, la quale ha presentato due brani, ovvero la “Sarabanda” dalla II Partita per violino solo BWV 1004 di Johann Sebastian Bach e il Concerto in re maggiore per Violino e Orchestra n. 4 K 218 di Wolfgang Amadeus Mozart, eseguiti con immutata maturità interpretativa e padronanza esecutiva.

Terminata così questa rassegna di promettenti musiciste, il m° Valentino Scarangella ha colto l’occasione per annunciare al pubblico una nuova iniziativa della sua Associazione, il Concorso Violinistico “Franco Scarangella” che si terrà nel 2023 ed in cui è prevista l’assegnazione di una borsa di studio intitolata al Maestro Tito Titano che è stato baritono e docente nei conservatori di Monopoli e di Bari.

Nunzio Sfrecola.

Le immagini e i testi potrebbero essere soggetti a copyright.

About Arti Libere

Guarda anche

Giovani pianisti insieme per la pace in Ucraina

di Raffaella Cimmarusti. Maria Yermak  è una bambina ucraina di dieci anni la cui famiglia è …

Lascia un commento