domenica, 27 Novembre, 2022 5:18:36 PM

IMAGINARIA. Inaugurate ieri le proiezioni della XX edizione della rassegna internazionale.

Conversano, 24 agosto 2022.

Sono partite ufficialmente le proiezioni della ventesima edizione di Imaginaria, rassegna internazionale dedicata al cinema d’animazione d’autore: da ieri, e fino alla giornata di sabato 27, saranno oltre 100 le opere proposte al pubblico e alle giurie (composte da esperti di settore – registi e artisti tra i più importanti del mondo dell’animazione cinematografica italiana e internazionale – e da giovani studenti conversanesi). Grande successo, inoltre, per la proiezione del primo dei tre lungometraggi animati presentati fuori concorso, Dozen of norths, del pluripremiato Koji Yamamura

Inaugurati ieri anche gli attesi Imaginaria Meetings, incontri in cui artisti e ospiti del festival dialogano “a tu per tu” con pubblico e appassionati: il primo appuntamento è stato con gli artisti svizzeri Georges e Louis Schwizgebel. Il duo padre-figlio ha collaborato spesso (Louis, pianista di fama internazionale, ha realizzato le musiche per molte delle opere del padre Georges, considerato una delle figure più importanti dell’animazione cinematografica sperimentale europea) e proprio questo sodalizio è stato il tema cardine dell’incontro. “Sono molto fortunato – afferma Louis – perché il mio lavoro corrisponde alla mia passione. La musica richiede molta disciplina quotidiana, e questo mi aiutato anche in altri aspetti della mia vita, oltretutto la musica impone di utilizzare e tenere sempre allenare la memoria, cosa che oggi facciamo tutti molto poco. La collaborazione con mio padre è fantastica: a lui piace realizzare film e scegliere le musiche adatte, mentre a me piace suonare, è un rapporto molto libero e senza conflitti“. “La nostra prima collaborazione risale a quando Louis aveva nove anni – racconta il padre Georges – e suonò Beethoven per musicare “Zig Zag”. La musica mi piace al punto da non avere mai utilizzato il dialogo nelle mie animazioni. Ho realizzato quasi una ventina di film e quasi tutti partono dalla musica. Sono stato molto fortunato a realizzare un film dopo l’altro e a fare in modo che questo diventasse il mio mestiere: ho iniziato negli anni ’60, all’epoca studiavo grafica e c’erano solo i cartoni che si vedevano al cinema, non esisteva l’animazione sperimentale di oggi. E anche se amo moltissimo la musica non so suonare una nota, mentre mio figlio Louis, invece, disegna da Dio!

Via vai di pubblico anche negli spazi di Galleria Cattedrale, che ospita la collettiva dedicata agli illustratori e fumettisti Mara Cerri, Giulia Pintus, Giò Quasirosso e Maicol&Mirco, e nell’ex Chiesa di San Giuseppe, allestita con tavole originali e manifesti delle precedenti edizioni di Imaginaria realizzati dall’artista Vito Savino, che collabora con la rassegna da oltre 10 anni. “Sono onorato di poter proporre questa esposizione: al festival, al direttore Luigi Iovane, al curatore dell’esposizione Simone De Summa e all’artista Niko D’Accolti vanno i miei ringraziamenti. Quello che presento in questa personale è il meglio di tutto ciò che ho prodotto, ed è un lavoro fatto con il cuore, sedimentato in un lungo tempo e realizzato lavorando su degli archetipi, in una continua trasformazione ed evoluzione circolare. Questa mostra è un percorso, ogni manifesto mi ricorda un sentimento differente, e vederli qui insieme mi emoziona”.

La dedica di Georges Schwizgebel al Festival Imaginaria

Continuano anche i laboratori dedicati al più piccini nell’ambito di Imaginaria Kids: in programma oggi, oltre a “Cut out – Storie di Carta“, dedicato alla tecnica della stop-motion e condotto da Michele Bernardi, Roberto Paganelli e Beatrice Pucci, anche “Illuminiamo le parole!“, dedicato al metodo caviardage e condotto da Mella Sciancalepore, formatrice specializzata in questa tecnica che consiste nell’elaborare brevi componimenti utilizzando come base testi già scritti, e la magia delle letture animate di “Come tornare a casa“, a cura della libreria per bambini e ragazzi Ciurma e basate sull’omonimo libro di Oliver Jeffers.

https://imaginaria.eu/

https://it-it.facebook.com/imaginariafestival/

 

About Arti Libere

Guarda anche

Una Puglia da Oscar per la prima edizione di “Allora Fest”. Ostuni, 21/26 giugno 2022

Una Puglia da Oscar per la prima edizione di “Allora Fest”, presentato il Festival internazionale …

Lascia un commento