venerdì, 1 Dicembre, 2023 12:59:22 AM

San Ginesio (MC) – Ilaria Petriglia – Barati tiburtini

ARTI LIBERE© 2023 – LE RECENSIONI

“Cala queste ceneri e cerca tra l’universo, raccogli polvere di stelle per me” così scrive Ilaria Petriglia nel suo “Baratri tiburtini” (L’Erudita, 2022).

La sua opera poetica è un significativo esordio, una affascinante esposizione di contenuti esistenziali, una efficace raccolta di versi, espressi nel contesto discordante e divergente dei sentimenti umani.

Ilaria Petriglia riproduce un incantevole scenario in cui l’umanità dipinge la propria prospettiva d’identità attraverso l’evocazione di un paesaggio autentico, accoglie l’invito della natura a preservare la bellezza della città di Tivoli.

Ilaria Petriglia

La poesia restituisce l’ispirazione visiva nelle immagini celebrative del meraviglioso anfiteatro Colli Aniene, luogo di infinita suggestione e spirito del mondo.

La poesia di Ilaria Petriglia riferisce l’incastro del tempo

nelle riflessioni sensibili, dichiara le proprie esperienze vissute

con la consapevolezza della percezione del precipizio emotivo,

trasmette la resistenza elegiaca a ogni proiezione interiore,

oltrepassa il concetto ostile dell’abisso,

interpreta l’intuitiva capacità di valutare

e possedere la materia della redenzione morale.

“Baratri tiburtini” varca l’accentuata e inevitabile instabilità della condizione umana, incrocia la desolazione della fragilità, incoraggia a sostenere le difficoltà e a coltivare la cura.

Descrive la validità del riscatto, illustra l’estensione delle certezze, spiega la volontà di risvegliare il carattere umano per ravvivare l’inclinazione della congiunzione relazionale.

La parola poetica eleva una intonazione profonda in un’intesa con l’ordine naturale delle cose, con l’equilibrio empatico delle sensazioni, contro un’attualità danneggiata dalla sostanza vertiginosa e tortuosa della solitudine.

I versi di Ilaria Petriglia ricompongono la superficie dell’inchiostro,

oltrepassano l’elemento scritto e trasmettono la libertà salvifica del pensiero,

plasmano la finalità di dare voce ai sentimenti dell’io poetico,

accostano l’immediatezza letteraria del linguaggio

alla persuasiva densità della sincerità,

dilatano la luminosità di una liturgia,

valorizzata nella forma dell’unità distintiva

delle preghiere di vicinanza.

Rivestono l’arte incisiva di ogni orizzonte, inseguono il traguardo delle possibilità, l’urgenza purificatrice per reagire all’assenza e al dolore.

Ilaria Petriglia analizza la fragilità e il disorientamento degli uomini, profetizza lo specchio frammentario della propria drammaticità, consegna al lettore l’occasione per ascoltare il sussurro dell’anima, per trattenere l’inafferrabile consistenza del cuore, dischiude il respiro della speranza.

Declina la valutazione dell’amore in tutte le sue carismatiche e infinite sfaccettature,

elogia l’esclusiva e protettiva dedizione nei confronti

di persone, familiari, luoghi che sostano nella nostra memoria,

coniuga la magia degli incontri, nel cammino della vita,

con l’insistenza magnetica del ricordo,

trasporta tra le pagine la ricchezza iniziatica dell’energia universale.

Abbraccia la condivisione della generosità, include, all’incondizionato valore delle promesse, la gentilezza e la compassione dei desideri, accoglie, nella combinazione del bene, la saggezza delle direzioni.

Baratri tiburtini

Le parole caddero in silenzio

da una nuvola,

nei baratri tiburtini.

I pensieri desiderati si fecero spazio

in una teca trasparente

agganciati in due punti:

il cuore e la mente.

Proprio lì

tra una lama

e delle parole calandrate dal tempo

trovarono finalmente il loro interstizio.

Tratteggia il disegno del destino, conduce il soffio vitale nel territorio privato della coscienza, ritrae il chiarore dell’amorevolezza nella benevolenza della misura affettiva e ci insegna a mostrarci per quello che siamo.

Rita Bompadre.

Centro di Lettura “Arturo Piatti”

 

About Arti Libere

Guarda anche

San Ginesio (MC) – “Nel tuo giorno” di Francesca Gentili

ARTI LIBERE© – LE RECENSIONI “Nel tuo giorno” di Francesca Gentili (Eretica Edizioni, 2022) è …

Lascia un commento