sabato, 4 Dicembre, 2021 11:33:06 AM

DAB21_DanzaABari 2021 Comune di Bari Teatro Pubblico Pugliese

DAB 21_DanzaABari 2021 

Comune di Bari

DAB 21_DanzaABari 2021 

Comune di Bari

Teatro Pubblico Pugliese

29 – 30 settembre e 4 – 5 ottobre quattro appuntamenti di DAB 21_DanzaABari 2021

Bari, Teatro Kismet OperA.

Una ripartenza dolce quella del progetto DAB 21_DanzaABari 2021, la stagione di danza contemporanea del Comune di Bari realizzata dal Teatro Pubblico Pugliese in collaborazione con Teatri di Bari e con il BIGf – Bari International gender film festival, che dal prossimo 29 settembre al 5 ottobre porterà tre appuntamenti sul palco del teatro Kismet Opera di Bari.

Una stagione che, con tutte le cautele e nel rispetto delle regole, si annuncia come una ripartenza piena di speranza per il mondo della danza e più in generale delle arti e dello spettacolo dal vivo. Un cammino che, bruscamente interrotto, si muove ora in punta di piedi, come i danzatori, per percorrere la sua strada, fino in fondo. Senza rinunciare alla cultura, al coinvolgimento, al ritrovarsi a vivere le emozioni che le arti possono regalare e riavvicinando il pubblico, tornando a conquistarlo. Una ripartenza che è fatta di regole, tra cui quella di arrivare con largo anticipo a teatro per permettere agli organizzatori di rispettare tutti i protocolli di sicurezza e attendere l’inizio dello spettacolo. A tal proposito si ricorda che l’ingresso ai luoghi di spettacolo è consentito solo esibendo una delle Certificazioni verdi Covid-19 o “Green Pass” (Decreto-legge 23 luglio 2021 , n. 105 – di cui all’articolo 9, comma 2). 

Si comincia mercoledì 29 settembre alle 21 con “LOVE | Paradisi Artificiali” di Davide Valrosso, produzione della compagnia NINA, in coproduzione con Compagnia Körper e C.I.M.D danza contemporanea, con il sostegno di MiBACT e di SIAE, nell’ambito del programma “Per Chi Crea” e il supporto di ADH – Anghiari Dance Hub, a.ArtistiAssociati, Lis Lab/Cross Project, Centro Residenze per la Toscana Armunia, Next. Un lavoro in cui energie sottili e invisibili guidano tre corpi sulla scena, incarnano le diverse sembianze di un amore che, nel segno del femminile, genera la propria traccia. Presenze e frammentazioni anatomiche che si nutrono di relazioni tra corpi e oggetti, da cui eros|amore strabocca e prende forma.

Il secondo appuntamento è per giovedì 30 settembre alle 21 con “Beast Without Beauty” di Carlo Massari, produzione della compagnia C&C Company, co-produzione Festival Danza in Rete Fondazione Teatro Comunale Città di Vicenza, con il supporto di Festival Oriente Occidente/CID Centro Internazionale della Danza, CSC/ OperaEstate, Piemonte dal vivo, ARTEVEN, KommTanz Compagnia Abbondanza/Bertoni, h(abita)t – Rete di Spazi per la Danza, Residenza I.DRA. e Teatri di Vita nell’ambito del Progetto CURA 2018, Leggere Strutture – Art Factory, Protagonismo e Creatività – Comune di San Lazzaro di Savena. Un irriverente, cinico studio sugli archetipi della miseria umana, sull’inespressività, sulla spregevole crudeltà nelle relazioni interpersonali. Una commedia dell’assurdo (nella quale l’assurdo, nostro malgrado lo subiamo) dal sapore esistenzialista e post- esistenzialista del teatro di Beckett perfettamente esplicato nel suo Giorni Felici.

Lunedì 4 ottobre alle 21 si incrocia in questo calendario la performance Harleking”, organizzata dal Bari International Gender Festival in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese e il festival DAB 21. Un lavoro che ha debuttato nel 2018 al Tanzfabrik Berlin in Gemania, successivamente presentato e acclamato in numerosi festival europei. I “danz’autori” e performer Ginevra Panzetti e Enrico Ticconi ricordano nello spettacolo l’Arlecchino della Commedia dell’arte: un servo furbo, mosso dalle inclinazioni più animali e un’inappagabile fame.

Ultimo appuntamento è per martedì 5 ottobre (ingressi ore 20.40, 21.15 e 22) con “Pezzi Anatomici – uno stato eternamente nascente” di Michele Di Stefano/mk, coproduzione mk/KLm 2020 e Teatro di Roma, in collaborazione con Oceano Indiano, Palazzo delle Esposizioni/public program mostra Sublimi anatomie 2019 e con il contributo di MIC e Regione Lazio. Una “durational performance” ovvero una performance di lunga durata che va in scena per più di 2 ore di seguito, senza pause e a cui il pubblico può accedere anche nel mezzo o a 45 minuti dalla fine, con ingressi scaglionati. Gli spettatori che entrano al primo e/o al secondo turno, se lo vogliono, infatti, possono restare fino alla fine della performance, senza acquistare i biglietti per i turni d’ingresso successivi. A ciascun spettatore sarà consentito fare delle pause nella visione della performance e accedere nuovamente in sala. “Pezzi anatomici” è uno stato performativo sempre all’erta perché estemporaneo e irripetibile, ma sempre dolce e disponibile alla relazione diretta con il pubblico. Il progetto indaga formati differenti: la sala prove col suo andamento sperimentale, il concerto, lo spettacolo o più spettacoli. La scena si trasforma in un luogo di incontro tra immaginazione e ricerca sul linguaggio coreografico, con un atteggiamento che apre continuamente alla deriva, all’approfondimento e all’invenzione in diretta, ma in realtà offre al pubblico un meccanismo ritmicamente incalzante e strutturato, mimetizzato nel flusso distratto dell’esperimento.

COSTI E OPZIONI

Per gli spettacoli del 29 settembre LOVE | PARADISI ARTIFICIALI e 30 settembre BEAST WITHOUT BEAUTY

Intero € 12

Ridotto € 8

Per lo spettacolo del 5 ottobre PEZZI ANATOMICI***

Orari di Ingresso: h 20:40 / h 21:15 / h 22:00

Intero € 8

Ridotto € 5

*** “Pezzi Anatomici” è una durational performance: un lavoro di lunga durata che sarà eseguito dai performer continuativamente, senza pause e al quale il pubblico potrà accedere negli orari sopra riportati. Gli spettatori che vi accederanno alle h 20:40 e alle h 21:15, laddove lo volessero, potranno restare fino alla fine della durata totale della performance, senza per questo acquistare ulteriori titoli d’ingresso. A ciascun spettatore sarà consentito fare delle pause nella visione della performance e accedere nuovamente in sala.

Biglietti riduzioni

Le riduzioni saranno concesse a gruppi di almeno 10 persone, agli abbonati alla Stagione teatrale Piccinni 2020/21 e a DAB Piccinni, studenti del liceo coreutico, allievi scuole di danza, studenti UNIBA e BIG LOVERS.

Vendita dei Biglietti

A partire dal 25 settembre si accettano prenotazioni telefoniche e via mail ai seguenti contatti:

Vincenzo Losito – 389.2389142

prenotazionidab@gmail.com

È possibile acquistare i biglietti online su www.vivaticket.com e in tutti i punti vendita Vivaticket e la sera di spettacolo presso il botteghino del Teatro Kismet a partire dalle ore 19.30.

BIG FESTIVAL

Costo dei biglietti

Per lo spettacolo del 4 ottobre HARLEKING

Intero € 12

Ridotto € 8

Biglietti riduzioni

Le riduzioni saranno concesse ai DAB21 LOVERS (in possesso di un biglietto di DAB21) e BIG LOVERS (donatore e donatrici del BIG festival).

Vendita dei Biglietti

A partire dal 25 settembre si accettano prenotazioni via mail scrivendo a:

prenotazionibig@gmail.com

Ricordiamo che dal 6 agosto scorso, per partecipare agli eventi di spettacolo dal vivo, è obbligatorio esibire all’ingresso una delle Certificazioni verdi Covid-19 o “Green Pass” (Decreto-legge 23 luglio 2021 , n. 105 – di cui all’articolo 9, comma 2), un documento individuale e nominale, digitale o cartaceo, emesso gratuitamente dal Ministero della Salute.
Per maggiori informazioni sul come ottenere la Certificazione verde Covid-19: 
https://www.sanita.puglia.it/certificazione-verde-covid-19https://www.sanita.puglia.it/certificazione-verde-covid-19.

https://www.teatropubblicopugliese.it/

 

About Arti Libere

Guarda anche

Giulio De Leo. Compagnia Menhir: “Where”

di Giulia Volturno. Il teatro ha una natura performativa che si sviluppa attraverso il fare …

Lascia un commento

Vai alla barra degli strumenti